biomedica_triennale

Obiettivi Formativi

I sistemi e le apparecchiature di diagnosi, terapia e riabilitazione hanno raggiunto una grande diffusione all’ interno delle strutture sanitarie pubbliche e private. Esse costituiscono un parco tecnologico di notevole valore economico, caratterizzato da un forte tasso di innovazione e da una complessità e molteplicità di funzioni, che richiedono appropriate competenze tecniche e organizzative per adeguare l’utilizzazione all’entità degli investimenti e alle necessità della collettività. L’Ingegneria Biomedica costituisce un nuovo settore della scienza e della tecnologia a carattere interdisciplinare nei riguardi sia dell’ingegneria che della medicina e della biologia. L’Ingegneria Biomedica rappresenta un’area dell’ingegneria che si riferisce all’insieme delle apparecchiature, della strumentazione, dei prodotti e dei servizi tecnologici che afferiscono alla sanità oltre che alla gestione del sistema ospedaliero.

L’esperienza di molti altri paesi dimostra l’importanza di una specifica figura dell’ingegnere sia per sostenere la complessità dell’industria manifatturiera del settore, sia per favorire una gestione sicura, corretta ed economica della tecnologia biomedica negli enti di servizio.

Il profilo culturale dell’Ingegnere Biomedico si basa sulla conoscenza delle metodologie e delle tecnologie proprie dell’ ingegnere, per la risoluzione di problemi che interessano la biologia e la medicina. Il Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica si propone di fornire una preparazione interdisciplinare strettamente collegata da un lato al settore dell’informazione e industriale e dall’altro al settore medico-biologico che costituisce il campo naturale di applicazione. Si tratta di una formazione culturale in grado di favorire un rapido inserimento nel mondo del lavoro con un adeguato livello di cultura di base, insegnamenti a spettro sufficientemente esteso per poter soddisfare le esigenze interdisciplinari nei quali opera l’Ingegnere Biomedico.

L’Obiettivo del Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica è pertanto quello di formare ingegneri in grado di operare nel settore industriale, con particolare riferimento al comparto biomedicale, in attività di progettazione e di riproduzione di dispositivi, strumenti e sistemi medicali, e nell’ambito delle strutture pubbliche e private nella gestione delle apparecchiature biomediche e nella soluzione di problemi metodologici e tecnologici nell’erogazione dei servizi sanitari. L’Ingegnere Biomedico è in grado di operare sia in strutture ospedaliere, sia presso industrie, università e centri di ricerca.